Turismo digitale

Google Destinations:Rivoluzione Tascabile

Turista digitale

Il turismo è, senza dubbio alcuno, uno dei settori in cui i cambiamenti straordinari del nostro modo di vivere si sono fatti più evidenti. Il nostro modo di viaggiare, negli ultimi cinquant’anni è mutato profondamente.
Anche il turista si è evoluto. Non si muove più portandosi appresso improbabili cartine che non sa da che parte guardare, ma, il più delle volte ha a disposizione tutto quello di cui ha bisogno nella tasca dei pantaloni o nello zaino. Il turista digitale ha un universo intero di possibilità a cui accedere. E può farlo con qualche semplice clic su di uno smartphone o su di un tablet.
C’è da fare un breve excursus però, prima di addentrarci nell’argomento che andremo a trattare tra poco.
Prima che divenisse una pratica diffusa ed accessibile (quasi) a tutti viaggiare(specialmente in aereo) era molto più costoso di adesso. Anche i collegamenti erano molto più scarni di quelli di cui siamo abituati ad usufruire quotidianamente. Adesso per prendere un aereo su di una tratta qualsiasi ( a meno che non sia l’ultimo avamposto sperduto dell’Alaska) si trovano facilmente almeno 2-3 soluzioni(minimo) tra cui possiamo scegliere, basandoci su parametri che vanno dal prezzo, alla comodità, ai servizi. Ma Bisognerà attendere la cosiddetta deregulation che, partendo dagli Stati Uniti e diffusasi poi in tutto il mondo prima di poter prendere un aereo “facilmente”.
La nascita delle compagnie low cost, e , successivamente, dei portali di prenotazione come Booking, Expedia e Air Beb ha trasformato totalmente il settore turistico attraverso una rivoluzione digitale che reinventa continuamente se stessa ridisegnando parametri e consuetudini nel tempo di un clic
Organizzare un viaggio è, ormai, un’impresa che possiamo compiere comodamente dal salotto di casa nostra, smanettando un po’ al pc, sullo smartphone o su di un tablet per scaricare quelle app strategiche che ci permettono di fare di tutto. Prenotare aerei, scaricare mappe offline delle città che andremo a visitare, farci un tour virtuale del Colosseo persino!

Google Destinations: Un Potente strumento per il turista digitale

Dunque cosa chiedere di più ad un universo così comodo e personalizzabile? La risposta arriva, ancora una volta, da Google che, a marzo di quest’anno, ha causato un terremoto non indifferente nel mondo del turismo digitale con il lancio di “Google Destinations“.
Il colosso di Cupertino, che ultimamente pare aver un occhio di particolare riguardo per l’industria turistica ha realizzato quello che si configura come un modo ancor più semplice ed intuitivo per trovare tutto quello di cui abbiamo bisogno in un’unica scheda senza doverne aprire, ad esempio, una per prenotare gli aerei e una per gli alberghi.
Basta prendere lo smartphone, aprire il browser e selezionare la destinazione o il paese del mondo che vogliamo visitare digitando, ad esempio: “Portogallo Destinazioni”. Quello che apparirà sul nostro schermo sarà qualcosa di molto simile a questo:
turista digitale e google destinations

I risultati ci mostreranno immediatamente i prezzi più convenenti per prenotare i voli e gli alberghi( che, tra l’altro, si aggiornano in tempo reale).
Ma c’è di più. Se utilizziamo i filtri,cliccando ad esempio su escursionismo( o scrivendo, come nel caso della foto “POrtogallo escursioni, o Portogallo Whale watching) ci verranno mostrate le principali località in cui si può fare escursionismo con i relativi collegamenti e possibilità di prenotazione.
Possiamo avere un’idea di quando muoverci dando un’occhiata alle tabelle di tempo che mostrano i periodi dell’anno statisticamente migliori per muoversi col bel tempo.
Possiamo addirittura monitorare i periodi dell’anno in cui la destinazione presenta un ingente numero di arrivi e decidere di pianificare il nostro viaggio in un momento di minor calma

google destinations

Google ridisegna il modo di viaggiare per un turista digitale sempre più sensibile alle tecnologie mobili.